Presenza online: non si vive di solo sito

presenzaonlineCome si fa a gestire la presenza online dell’azienda? Come si fa a essere presenti online perché i clienti possano trovarci?

Anche chi ha solo una minima dimestichezza con internet, sa che i siti sono solo una delle opportunità offerte dalla rete, perché le informazioni e le opportunità sul web spesso sono date anche da altri strumenti.

Avere un sito, oggi, curarlo, aggiornarlo, dotarlo di informazioni è imprescindibile, ma il sito in sé è un’isola che, come un territorio circondato completamente dall’acqua, va attrezzata di collegamenti con l’esterno.

Il primo collegamento passa decisamente attraverso i motori di ricerca: Google, Yahoo sono i due più famosi, e proprio su di essi è importante verificare sia qual è l’idea che chi naviga cercandoci si può fare di noi (ovvero, qual è la reputazione aziendale online), sia se cercando i nostri prodotti o servizi un utente trova o no la nostra azienda, ed eventualmente se possiamo “incoraggiare” il motore di ricerca a trovare noi anziché i nostri concorrenti.

Possiamo creare contenuti, approfondimenti, video, che indirizzino gli interessati ai nostri prodotti sul nostro sito, oppure fare in modo di essere presenti laddove potrebbero cercarci.

Directories (ovvero elenchi di siti e risorse), portali, blog, social network, siti di informazione possono essere un valido strumento per riuscirci.

Ma anche gestire tutti quelli canali gratuiti e a iscrizione diretta che esistono online può essere una strategia vincente.

Se vogliamo comunicare direttamente col nostro pubblico possiamo creare le nostre pagine su Facebook o avere un account Twitter e gestirlo in modo efficiente. Se la nostra azienda produce video e tutorial per i clienti, possiamo pensare di creare il nostro canale Youtube e caricarli all’interno. Se invece abbiamo una vasta gamma di immagini e fotografie utili per far capire il nostro prodotto e facilitare la vendita possiamo creare i nostri “boards” su Pinterest, oppure utilizzare servizi come Picasa e Flickr. E ovviamente usare le foto anche su Facebook e Twitter o su altri social.

Oggi, sempre più, la Rete chiede di fare rete, non solo di portare contenuti di qualità e originali.

Il futuro online sarà di quelle aziende che riusciranno a creare contenuti propri che interessino davvero ai navigatori, e ovviamente a traghettarli con successo verso di essi.

Con passione, il team di NSAi