Recensioni online, come stimolare i clienti a lasciare un giudizio?

Da tempo sul web infuria una grossa polemica sul mondo delle recensioni online. Mentre i giudizi in un mondo ideale dovrebbero essere genuini, ovvero essere lasciati da clienti reali che si sono trovati bene con il prodotto o il servizio oppure che hanno delle critiche oneste da fare, attorno ad alcuni siti è proliferato un mondo fatto di recensioni disoneste.

Molte recensioni, che di sincero non hanno nulla, vengono infatti lasciate da concorrenti che vogliono infangare i loro competitor, oppure da società specializzate che si fanno pagare per produrre recensioni positive. Insomma, con il giudizio sincero e sopra le parti dei clienti esse non hanno davvero nulla da spartire.

Ormai quest’idea di influenzare le persone nelle loro scelte attraverso il web pesa così tanto che c’è chi ha anche denunciato di aver subito una vera e propria violenza psicologica.

Di fronte a una situazione tanto incerta quanto ingiusta, fino a che qualcuno non inventerà un sistema che permetta solo a chi ha davvero usufruito del prodotto o del servizio di commentarlo, occorre comunque mantenere un atteggiamento il più possibile positivo, e continuare a incoraggiare i clienti.

Spesso però per chi frequenta internet è più facile “perdere tempo” a dare un giudizio negativo che non commentare positivamente un’attività o un servizio che ha lasciato pienamente soddisfatti. E allora, si possono stimolare i clienti a lasciare recensioni?

La risposta è ovviamente sì, e in molti casi si può fare in modo di coinvolgere maggiormente il cliente quando è ancora “caldo”, quando sta ancora usufruendo del servizio o è ancora coinvolto nel processo che gli chiediamo di commentare. Stimolare i clienti a mettere un “like” sulla pagina Facebook e a lasciare un loro post, avere un guest book elettronico o cartaceo (di cui magari si possono fotografare le pagine per postarle sui social), oppure concedere piccoli omaggi in cambio di un commento: tante sono le idee che si possono spendere. Così come un efficiente servizio post-vendita, con un contatto non invasivo che però possa contribuire a realizzare l’obiettivo di raccogliere recensioni e giudizi.

Voi avete già provato?

Con passione, il team di NSAi