Scegliere la password, e non farla scoprire a nessuno!

130828 Scegliere la password, e non farla scoprire a nessuno

Nel mondo di Internet conviviamo ormai quotidianamente con le password, quelle parole e credenziali d’accesso che servono per usare praticamente qualunque servizio. Ma come si sceglie una password? Come renderla davvero sicura? E di conseguenza, come rendere sicuri i nostri dati? 

Uno studio dell’americana SplashData ha messo in luce quali sono le password più usate nel mondo: ai primi posti figurano parole facilissime da ricordare ma, ahimè, anche facilissime da indovinare per chi volesse sottrarle, quali “password”, “12345678”, “qwerty” e “abc123”. Un altro aspetto del problema riguarda inoltre l’abitudine di usare la stessa password su tutti i canali: in Italia è questa l’usanza per il 14 per cento degli utenti Internet, mentre il 25 per cento ne utilizza due condivise tra i vari servizi.

Di fronte a questo tipo di abitudini e alla difficoltà di ricordare le password (che manifestano 76 persone su 100) dobbiamo perlomeno cercare di elaborare una parole o una combinazione che non siano così pericolose e tenerle per noi, evitando sia di comunicarle ad altri sia di appuntarle su post-it e diari da tenere nei pressi del pc (altra abitudine sbagliata che hanno molte persone).

Una password dovrebbe avere almeno otto caratteri che dovrebbero mescolare lettere, numeri e caratteri speciali, come lettere accentate, trattini, asterischi.

Sul suo almanacco della scienza, il Consiglio Nazionale delle Ricerche italiano recentemente ha consigliato di adottare l’acronimo di una frase facile da ricordare, “alternando lettere maiuscole e minuscole e sostituendo alle lettere i simboli, come lo zero al posto della o, l’uno invece della i, il simbolo del dollaro $ per la s”. In pratica, invece di “solleone” possiamo optare per “$00ll€0nE”!

Scegliere una o più password sicure è il primo accorgimento per mettere al sicuro, in un senso più generale, i propri dati e i propri account.

Con passione, il team di NSAi